Uno sbarco digitale, di filiera

Ora che sembra si intraveda la fine del tunnel, e c’è quindi più capacità di identificare tutte le dinamiche lasciate dal Covid 19, è il momento di riflettere sul cambio di passo che la pandemia ha imposto al design sul fronte digitale. Complice la particolare natura del prodotto di arredo (più ingombrante, più pesante, più vincolato agli ambienti circostanti), questo settore ha rimandato a lungo la decisione di varcare il Rubicone dell’online. Oggi,...

Covid-19 riaccende la filiera made in Italy

Tra le molteplici eredità che la crisi Coronavirus si lascerà alle spalle, ci sono anche aspetti che potrebbero tradursi in un rafforzamento della filiera del made in Italy. Già la prima parte dell’epidemia, confinata nelle remote regioni cinesi, aveva evidenziato la necessità di una catena di fornitura capace di adeguarsi con rapidità di fronte a eventi estremi, quindi localizzata a distanze gestibili o, comunque, pluri-localizzata, ovvero con elevata intercambiabilità tra i fornitori (o...

Il design si sposta outdoor

Quale che sia il lusso di domani, avrà molto probabilmente a che fare con un giardino. La chiave della vita all’aperto, infatti, sta caratterizzando ogni segmento del made in Italy e in modo particolare l’arredamento. A favorire il fenomeno è la presa di coscienza che la qualità del vivere si eleva attraverso un’iniezione di green nella propria giornata. Questo fattore si abbina alla costante crescita degli ultimi anni del mercato immobiliare e in...

Quando il mercato guida l’aggregazione

Il mercato è sempre più la guida di tutto. E potrebbe essere una prospettiva molto positiva per un settore dalle profonde tradizioni artigianali e manifatturiere come il design made in Italy. È chiaro che da sempre il mondo dell’arredo deve confrontarsi con le logiche del marketing. Tuttavia, in questo delicato rapporto tra manifattura e mercato sembra possibile registrare un recente cambio di passo. Questo momento di discontinuità lo si legge nel successo del...

Retail multimarca, una chiave per lo sviluppo internazionale

È stato un inizio ottobre interessante per il design italiano. Soprattutto, è stato interessante per uno specifico settore, quello della distribuzione. Sul retail si sono accesi riflettori che lasciano pensare a un processo di sviluppo volto a raccogliere opportunità di mercato non sfruttate con l’attuale modello del nostro sistema industriale. La prima operazione è stata messa a segno dal fondo Progressio sulla maggioranza di Interni. L’obiettivo dichiarato è stato quello di spingere sulla...

Alla ricerca di identità oltre lo still life

“Nuovi codici”. Sono le parole chiave della comunicazione nel design. Le ha sottolineate Giovanni Gastel nell’intervista di questo numero, evidenziando come, anche per il settore dell’arredo, sia arrivato il tempo per trasferire nel messaggio qualcosa di differente dall’oggetto: “Oggi - dice il fotografo - bisogna saper creare scenari lontani dalla realtà, mondi paralleli che facciano sognare”. Un passaggio che consenta di superare gli still life dei cataloghi e di cercare una alternativa alle...

La differenza tra aggregare e integrare il made in Italy

Non passa mese senza che venga annunciata nel settore un’acquisizione da parte di uno dei quattro player aggregatori che si sono creati in Italia negli ultimi anni. Italian Design brand, Italian Creation Group, Design Holding, Lifestyle Design. Nomi e strategie simili: aggregare realtà per raggiungere una dimensione maggiore, in un settore fatto al 99% di piccole imprese. Analizzando però l’ultima classifica di Pambianco sui fatturati 2018 delle principali aziende italiane del settore salta...

Il consolidamento necessario

Il percorso di consolidamento del design made in Italy non sembra arrestarsi. L’attuale dinamismo nelle operazioni di M&A ha pochi precedenti nella storia del settore. Eppure, paradossalmente, sembra esserci la necessità perché questo ritmo acceleri ulteriormente. Da inizio anno, sono state già almeno quattro le operazioni straordinarie riconducibili a processi di consolidamento avviati: l’acquisizione delle porte Adl da parte di Boffi e quella di Jacuzzi da parte di Investindustrial, nonché quella della danese...

In Cina, giochi ancora aperti per il design accessibile

I dati confermano che la Cina è entrata in una fase di consumo più domestico e anche più consapevole, in cui l’attenzione al prodotto ha definitivamente superato o almeno affiancato la notorietà del marchio, con un consumatore che va alla ricerca di caratteristiche più dettagliate. Non si parla più, insomma, di acquisti a occhi chiusi per ogni articolo che richiami uno status symbol di matrice occidentale, ma di una domanda con esigenze che...

A Dubai, la partita d’oriente

Una delle partite chiave del design italiano si gioca oggi sulle sponde del Golfo Persico. A Dubai, infatti, fra due anni ci sarà la prima Esposizione Universale localizzata nell’area mediorientale (a parte gli eventi organizzati in Israele). Conquistare l’emirato, dunque, non significa solamente godere di una posizione di preminenza in uno dei mercati più dinamici del pianeta. Ma comporterà guadagnare una posizione di vantaggio nella competizione per tutta la penisola araba e verso...

Nel nuovo ufficio l’esempio per il design italiano

C’è qualcosa di importante, per il design italiano, nelle evoluzioni che riguardano il segmento dell’arredo ufficio. O sarebbe meglio dire il ‘segmento di quello che un tempo era l’ufficio’. Il messaggio che arriva dalla fiera Orgatec, di cui diamo ampio resoconto nel dossier di questo numero, racconta infatti di un settore che è stato capace di trasformarsi in modo sorprendente, adeguandosi al rapido cambiamento di valori e abitudini sociali, se non addirittura di...

Un polo che spinge il design made in Italy

L’alleanza tra Carlyle e Investindustrial, ufficializzata a metà settembre, si presenta come un passaggio in grado di cambiare i connotati del sistema del design italiano. Dal punto di vista finanziario, il significato dell’operazione è piuttosto semplice: il gruppo Carlyle è entrato nel business dell’arredamento di Investindustrial, apportando capitali e potenzialità di investimento. Dal punto di vista industriale, tuttavia, l’iniziativa ha risvolti assai più complessi e importanti. Il primo effetto industriale dell’alleanza riguarda gli...

Pagina 2 di 3 1 2 3